Visual Merchandising: il punto sull’emergenza COVID-19


Lo Studio Vetrinistico Comeri da sempre non gestisce corsi on-line e neanche in questo periodo di emergenza ha deciso di ricorrere alla formazione a distanza. Per questo tutti i nostri corsi sono stati rinviati a data da destinarsi.

Il perchè
Le figure professionali del Vetrinista e del Visual Merchandiser devono avere conoscenze tecniche per poter allestire con competenza e creatività negozi, stand, vetrine, showroom, ma non possono essere formati senza la pratica.
La teoria deve essere messa in pratica sul campo.

La figura del Visual Merchandiser nei prossimi anni sarà fondamentale, più di prima.
Bisognerà differenziarsi sempre di più, offrire nuove soluzioni espositive e vetrine capaci di vendere e nello stesso tempo catturare l’attenzione.

Si stava andando verso un momento denominato da Roberto Comeri: “il caos nella GIUNGLA odierna”.
Tutti capaci di allestire vetrine, attività con tipologie e prodotti commerciali che volevano rappresentare il lusso.
Solo poche aziende sapevano veramente rappresentare il loro prodotto con una immagine adeguata.

Ora più che mai torneranno valori differenti.
Prodotti migliori… Il “Made in Italy” tornerà finalmente…
Migliore qualità produttiva sarà proposta alla vendita. Ma gli stessi addetti alla vendita dovranno essere più preparati, dovranno conoscere meglio quello che stanno proponendo ai loro clienti attraverso tutte le tecniche e strategie di marketing. Ci sarà bisogno di personale nuovo che dovrà apprendere strategie commerciali e ci sarà bisogno di nuovo di figure Senior dove la loro esperienza sarà fondamentale per poter insegnare agli altri le varie tecniche.

Tutto quello che oggi ci sembra impossibile domani si rivelerà una nuova opportunità. Una frase di estrema importanza di Marcel Proust sarà d’ora in poi da tenere in massima considerazione.

“Il vero viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove TERRE ma nell’avere NUOVI OCCHI.”

È IL TUO MOMENTO.

Esprimi il tuo potenziale
con i servizi di visual merchandising di Roberto Comeri.